vai all'ultima immagine vai alla prima immagine nome

ARMADIO CAMERA BAMBINI

Questo armadio, progettato dall'architetto Giancarlo Smurra, è stato realizzato completamente in tamburato rivestito in laminato plastico.
I bordi sono stati impiallicciati in legno di padouk, ottenendo in tal modo un forte contrasto cromatico con le ante scorrevoli.

L'arredo interno, comprende nella zona inferiore due cassettiere realizzate interamente in multistrato di betulla rivestito in laminato (vedi foto).
Si è scelto di corredare i cassetti con maniglie, disegnate e realizzate appositamente per questo armadio: ogni cassetto è dotato di maniglie dalla diversa forma. Sono state realizzate in legno massello di padouk, e conferiscono all'insieme un'aspetto allegro e giocoso, adatto ad una camera per bambini (vedi foto).

Nei vani superiori sono statin alloggiati due servetti; appendiabiti che possono essere abbassati con un movimento di rotazione (vedi foto).

Notevole particolarità di quest'armadio sono le ante scorrevoli; anch'esse realizzate in tamburato e rivestite con un laminato plastico, sul quale è stata eseguita la stampa di un'immagine (rielaborata al computer) che raffigura un paesaggio campestre (vedi foto),

Per l'apertura delle ante scorrevoli è stato scelto di non utilizzare le tradizionali maniglie ad incasso (per non alterare il disegno presente); per cui ai lati laterali esterni dei pannelli è stato inserito un profilo scanalato che permette il trascinamento dell'anta (vedi foto).

Sul lato sinistro dell'armadio è presente una specchiera angolare, con un pannello rotante che la richiude su se stessa (vedi foto).


 

ARMADIO INGRESSO

Le foto 16 alla 19 riguardano un armadio a ponte che ingloba la porta d’ingresso dell’appartamento.

Anche in questo caso si è utilizzata la tecnica della stampa su laminato plastico.

L’armadio in questione, a differenza del precedente,che ha delle ante scorrevoli non complanari, ha delle ante battenti, quindi complanari ;la complanarità delle ante dà modo ,come è facilmente intuibile, di avere una perfetta continuità dell’immagine riprodotta.

Di contro , il riuscire a far combaciare l’immagine su tutte la ante non è stato semplice, in quanto si è dovuto tener conto, con estrema precisione, della parte di immagine che inevitabilmente viene asportata nella fase di squadratura dell’anta;per risolvere questo problema sono stati stampati sull’immagine dei piccoli segni di posizionamento che hanno permesso ,in fase di incollaggio, di posizionare il laminato con estrema precisione.

Ovviamente è stata stampata anche parte dell’immagine appartenente all’anta successiva, asportata poi, insieme ai segni di posizionamento,in fase di squadratura. Tutto questo per non perdere nemmeno una piccola porzione di disegno.